La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti: pan di spagna, crema pasticciera, panna ed ananas.

La torta mimosa: origini della ricetta

La torta mimosa è un dolce tradizionale italiano spesso associato alla celebrazione del 8 marzo, la Festa della Donna. Questo dolce soffice e delicato, decorato con una copertura di crema e briciole gialle che ricordano i fiori della mimosa, è diventato uno dei simboli culinari della festa.

Ma da dove viene la ricetta della torta mimosa? Le origini di questo dolce sono incerte e avvolte nel mistero, ma ci sono diverse teorie sull’origine di questo famoso dessert.

La leggenda della torta mimosa

La teoria più diffusa fa risalire la ricetta della torta mimosa agli anni ’50, quando la pasticciera fiorentina Mafalda Tantini creò questo dolce in onore della Festa della Donna. La pasticciera avrebbe voluto creare un dolce che rappresentasse la delicatezza e la bellezza della mimosa, fiore simbolo della festa, e che fosse anche facile da preparare a casa.

Secondo la leggenda, Mafalda Tantini avrebbe preso spunto dalle torte russe a base di panna montata e pan di Spagna, sostituendo il burro con la margarina e la farina di frumento con la fecola di patate per ottenere una consistenza soffice e leggera. La crema al mascarpone, che ricorda il colore dei fiori di mimosa, viene decorata con briciole gialle di pan di Spagna.

La torta mimosa e la città di Tortona

Un’altra teoria, meno conosciuta, fa risalire l’origine della torta mimosa alla città di Tortona, in Piemonte, dove nel 1936 si tenne un concorso per la creazione di un dolce dedicato alla Festa della Donna. La vincitrice del concorso, Clara Zetkin, avrebbe creato una torta a base di crema e pan di Spagna che venne poi battezzata “torta Clara” in onore della vincitrice.

In seguito, il dolce venne rivisitato e arricchito con la decorazione di briciole gialle per rappresentare la mimosa, e divenne noto come “torta mimosa”. Anche se questa teoria è meno accreditata rispetto alla prima, è possibile che abbia contribuito alla diffusione della torta mimosa in Italia.

Indipendentemente dalle sue vere origini, la torta mimosa è diventata un simbolo della Festa della Donna in Italia e nel mondo, e viene ancora oggi preparata e gustata con gioia in questo giorno speciale.

La torta mimosa

Preparazione 2 ore 30 minuti
Portata Dessert
Cucina Italiana
Porzioni 15 porzioni

Ingredienti
  

  • 6 uova
  • 150 g zucchero
  • 140 g farina 00
  • 40 g fecola
  • 1 pizzico di sale
  • 1 buccia di limone grattugiata

facoltativo:

  • 3 g lievito per dolci

Per farcire:

  • 600 g crema pasticciera
  • 300 g panna fresca da montare
  • 4/5 fette di ananas

Per la bagna:

  • 200 g succo di ananas
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 1 bicchierino di limoncello

Istruzioni
 

Preparazione del pan di spagna (giorno prima)

  • Setacciamo insieme farina e fecola per un paio di volte.
    Gli scroccafusi (detti anche stummeri o cecetti) sono dei dolci tipici marchigiani, preparati solitamente durante il periodo di Carnevale. 
  • In una ciotola montiamo le uova a temperatura ambiente con lo zucchero e il sale fino ad avere un composto gonfio e spumoso (10/15 minuti).
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Aggiungiamo la farina facendola scendere da un setaccino, poco per volta, mescolando dal basso verso l’alto. In ultimo la buccia grattugiata del limone.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Versiamo nello stampo imburrato ed infarinato ed inforniamo in forno preriscaldato a 155° ventilato o 160° per 40/45 minuti a seconda delle dimensioni dello stampo. In ogni caso il pan di spagna è cotto a 92°.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Facciamolo raffreddare per 10 minuti nello stampo poi sformiamolo e mettiamolo su una gratella.
    Per la preparazione della crema pasticciera vi rimando alla videoricetta dove spiego passo passo come prepararla.
  • Ho usato dell’ananas in succo. Va bene in sciroppo o anche altra frutta a nostro piacere.
    Per la bagna mescoliamo il succo d’ananas con il limoncello e lo zucchero.
  • Tagliamo in tre o quattro strati il pan di spagna. Potremo decidere anche di fare un solo strato di farcitura e quindi basteranno tre strati.
  • Montiamo la panna ed uniamone una parte alla crema, secondo il nostro gusto. Volendo aggiungiamo a 250 g di panna due cucchiai di zucchero a velo.
  • Bagniamo il primo strato di pan di spagna.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Mettiamo la crema con la spatola o con la sacca a poche, poi uno strato di ananas a pezzetti.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Ricopriamo con altro pan di spagna e ripetiamo l’operazione.
    Decoriamo la torta con la crema (io ho preferito alleggerirla ancora, aggiungendo altra panna).
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Sbricioliamo il pan di spagna sulla superficie. Mettiamo in frigo fino al giorno dopo.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.
  • Prima di servire, spolveriamo con zucchero a velo.
    La torta mimosa è un dolce fresco, colorato, bene augurante. Torta simbolo dell’8 marzo, facilissima da realizzare con pochi ingredienti.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Come conservare la torta mimosa

Come abbiamo visto, si tratta di un dolce soffice e delicato, che richiede alcune accortezze per essere conservata al meglio e mantenere la sua freschezza e fragranza.

Prima di tutto, è importante conservare la torta mimosa in frigorifero, preferibilmente in un contenitore ermetico per evitare che assorba gli odori di altri alimenti. È possibile utilizzare anche una campana di vetro o un involucro di pellicola trasparente, ma è importante assicurarsi che il dolce sia ben coperto e che non sia esposto all’aria.

Se la torta mimosa è decorata con crema al mascarpone, è consigliabile consumarla entro 2-3 giorni dalla preparazione, per evitare che la crema si deteriori e si rovini il dolce. Invece, se la torta è decorata con panna montata, è possibile conservarla per un giorno in più, ma è comunque importante prestare attenzione alla freschezza degli ingredienti utilizzati.

Conservare il dolce per un periodo più lungo

Se si desidera conservare la torta mimosa per un periodo più lungo, è possibile congelarla. Per farlo, è necessario avvolgere il dolce in pellicola trasparente e inserirlo in un sacchetto per alimenti o in un contenitore ermetico. La torta mimosa si può conservare in freezer per circa un mese, ma è importante scongelarla lentamente in frigorifero prima di consumarla, per evitare che si sciolga troppo rapidamente e per preservare la sua consistenza soffice.

In generale, è importante prestare attenzione alla freschezza degli ingredienti utilizzati per la preparazione della torta mimosa, in modo da garantire una maggiore durata del dolce. Inoltre, è sempre consigliabile consumare la torta il prima possibile per apprezzarne al meglio la fragranza e il sapore.

Seguendo questi semplici consigli, è possibile conservare la torta mimosa in modo sicuro e gustarla anche nei giorni successivi alla sua preparazione.

Guarda anche