Per il menù di Natale chi lo dice che bisogna mangiare carne? Ecco 8 idee per te per preparare delle buonissime ricette di Natale senza carne, che secondo me sono tra le più veloci e gustose da preparare.

La chiave per una vera festa di Natale è avere cibo, famiglia e amici, tutti riuniti a un tavolo. Questo è ancora più vero durante il periodo natalizio quando iniziano i festeggiamenti l’8 dicembre e continuano fino al nuovo anno!

Abbiamo visto alcune per gli antipasti, i primi e i secondi di Natale, ma non possiamo fare a meno di completare il nostro menù con delle ricette che non includono carne, per soddisfare il palato dei nostri ospiti che non la mangiano.

Le ricette di Natale della tradizione per gli antipasti sono davvero tante. Ne ho raccolte 8 che secondo me sono tra le più veloci e gustose da preparare.

Ricette di Natale senza carne: primi e secondi gustosi

Usa queste idee per servire dei primi e secondi piatti gustosi per la cena di Natale o, semplicemente, nel periodo natalizio. Potresti anche pensare di prepararne un paio e fare degli assaggi, così da offrire un menù più ampio e accontentare tutti i palati. 

1.Sformato di mirtilli e lenticchie

Raddoppia o triplica le quantità di questa torta festiva di mirtilli rossi e lenticchie per servire più persone, se lo desideri. Puoi farlo fino a due giorni prima di servire.

Sformato mirtilli e lenticchie

Preparazione 30 minuti
Portata Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 1 persona

Ingredienti
  

  • 25 g mirtilli secchi
  • 1 cucchiaio di vino rosso
  • 125 g lenticchie cotte
  • 2 cucchiaini olio evo
  • ½ cipolla tritata finemente
  • ½ spicchio d'aglio schiacciato
  • 1 cucchiaio salvia tritata
  • ½ cucchiaio prezzemolo tritato
  • ½ cucchiaio di paprika affumicata
  • q.b. chiodi di garofano macinati
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro
  • 1 cucchiaio di maizena

Istruzioni
 

  • Riscaldare il forno ventilato a 200°C/180°C.
  • Oliare e rivestire la base di uno stampino da forno da 200 ml con un cerchio di carta da forno. 
  • Mettere i mirtilli rossi in un pentolino con il vino e cuocere per un paio di minuti a fuoco medio fino a quando i mirtilli rossi sono carnosi e il vino sciropposo. 
  • Versare nella base del pirottino e mettere da parte.
  • Mettete le lenticchie in una ciotola e schiacciatene grossolanamente circa la metà con una forchetta.
  • Scaldare l'olio in una piccola padella e cuocere la cipolla per 6-8 minuti a fuoco medio fino a quando non si ammorbidisce. 
  • Mescolare l'aglio, le erbe, la paprika e i chiodi di garofano e cuocere per un altro minuto. 
  • Spegnete il fuoco e aggiungete le lenticchie, la passata di pomodoro, la soia e la maizena, mescolate bene il tutto, poi versate nella pirofila, premendo delicatamente con il dorso di un cucchiaio. 
  • Mettere il pirottino su una teglia e cuocere per 15 minuti. 
  • Lasciare raffreddare per 1 minuto, quindi sformare su un piatto.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

2.Germogli di soia in pastella

Con il fritto è tutto buono! Questa ricetta è perfetta se a tavola abbiamo degli scettici in materia di cucina vegana, specialmente quelli che non si avvicinano ai germogli di soia nemmeno per guardarli!

Se amate le verdure in pastella non potrete più rinunciarvi. Intanto li trovate ovunque e in qualsiasi periodo dell’anno e poi sono una soluzione veloce dell’ultimo minuto. A proposito, voi la pastella come la fate? Io di solito la preparo con l’acqua frizzante ma stavolta ho usato l’acqua tonica. 

Germogli di soia in pastella

Preparazione 30 minuti
Portata Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

  • 200 g germogli di soia
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di farina
  • q.b. sale
  • q.b. olio di semi per friggere
  • ½ bicchiere di acqua tonica

Istruzioni
 

  • Lavate e lasciate asciugare bene i germogli di soia.

Per la pastella

  • In un recipiente sbattete le uova con la farina e un pizzico di sale e in ultimo aggiungete l’acqua tonica.
  • Aggiungete i germogli di soia e mescolate.Iniziate la frittura usando un tegame antiaderente e dell’olio di semi.

Cottura

  • Con un cucchiaio versate l’impasto nell’olio caldo e lasciate che si gonfino e colorino da ambo i lati.
  • Fateli scolare su una superficie assorbente.
  • Salate in superficie e servite caldi.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

3.Patate Hasselback

Prova qualcosa di nuovo con il tuo arrosto domenicale questo fine settimana con queste patate Hasselback all’aglio e rosmarino. L’uso di patate della stessa dimensione le aiuterà a cuocere in modo uniforme.

Patate Hasselback

Preparazione 1 ora
Portata Contorno
Cucina svedese
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

  • 1,5 kg patate farinose di media grandezza (va bene Maris piper o King Edward), sbucciate a piacere
  • 4 cucchiai di olio vegetale
  • 4 spicchi d'aglio schiacciati
  • q.b. qualche rametto di rosmarino
  • q.b. sale marino

Istruzioni
 

  • Riscalda il forno a 200°C/180°C ventilato/gas 6.
    Usa uno spiedino di metallo e inseriscilo attraverso la parte posteriore di uno dei lati più piatti della patata. 
  • Dovrebbe passare attraverso la maggior parte della patata. 
    Mettere su un tagliere, con lo spiedino rivolto verso il basso, e affettare la patata (fare attenzione a non tagliare completamente su entrambe le estremità). 
  • Puoi anche mettere ogni patata tra due manici di cucchiai di legno e tagliare fino al cucchiaio, se questo è più facile per te. Un coltello affilato aiuterà a fare delle fette distanti qualche mm l'una dall'altra. 
  • Rimuovere lo spiedo e ripetere con le restanti patate.
  • Metti le patate con il taglio rivolto verso l'alto su una teglia poco profonda e irrora con l'olio. 
  • Strofina ogni patata con le mani per ricoprire bene l'olio, mettendone un po' tra le fette. Aggiungere l'aglio schiacciato, il rosmarino e condire bene. 
  • Arrostire per 50 minuti – 1 ora fino a quando le patate sono tenere dappertutto e le cime sono dorate e croccanti. 
    Ungere con qualsiasi olio nella padella a metà cottura per ottenere patate extra croccanti.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

4.Pizza con la scarola

La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina. Questa però si può mangiare tutto l’anno grazie all’utilizzo delle scarole.

Diciamo che ogni famiglia, come spesso accade, conserva la sua versione. Ma in ogni caso il sapore è sempre intenso, rustico, buono e deciso. 

Pizza con la scarola

Preparazione 3 ore
Portata Portata principale
Cucina Italiana

Equipment

  • 1 teglia da 28/30 cm. di diametro

Ingredienti
  

Per l'impasto

  • 500 g farina 0
  • 250 g acqua appena tiepida
  • 50 g olio evo
  • 12 g sale
  • 8 g lievito di birra fresco o 3 g di lievito secco

Facoltativo:

  • 1 cucchiaino malto o miele o zucchero

Per il ripieno:

  • 1 kg  scarola liscia
  • q.b. olio evo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 150 g olive nere di Gaeta snocciolate
  • 50 g alici salate
  • 50 g uvetta
  • 50 g noci
  • 10 g capperi dissalati

Istruzioni
 

  • In una ciotola o in planetaria impastiamo la farina con il malto o il miele aggiungendo la dose di acqua in cui avremo sciolto il lievito.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Mescoliamo, aggiungiamo il sale e poi l’olio. Impastiamo sino ad avere un panetto liscio ed omogeneo.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Mettiamolo a lievitare coperto con pellicola. Sarà pronto al raddoppio (un paio d’ore o anche di più).
    Potremo anche impastare la sera, aspettare un quarto d’ora e mettere l’impasto in frigo per riprenderlo il mattino dopo.
    Controlliamo sempre che prima di stenderlo sia almeno raddoppiato.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Puliamo e laviamo la scarola. Lessiamola per pochissimi minuti in acqua bollente e poi mettiamola in un colapasta a raffreddare e perdere l’acqua.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • In una pentola capace mettiamo a soffriggere gli spicchi d’aglio con l’olio, quando sono leggermente dorati mettiamo le olive tagliate a rondelle, le noci, i capperi, l’uvetta.
  • Togliamo l’aglio ed aggiungiamo le alici sott’olio. Dopo poco aggiungiamo la scarola scolata e tagliata a pezzi.
    Mescoliamo e portiamo a cottura per una mezz’ora abbondante, rimestando spesso.
  • Quando è pronta la pasta, tagliamone un pezzo grande più della metà dell’impasto.
    Stendiamo sottilmente e mettiamo la sfoglia in una teglia leggera (io ho usato quella per la pastiera) oliata. 
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Bucherelliamo il fondo e distribuiamo la verdura.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Stendiamo l’altra sfoglia e chiudiamo la pizza, avvolgendo i bordi su se stessi. Oliamo la superficie con olio extravergine.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.
  • Bucherelliamo la pasta e aspettiamo che il forno arrivi a temperatura, statico o ventilato, a 180°. Cuociamo per circa 30/40 minuti. Regoliamoci con il nostro forno.
    La pizza con la scarola è una ricetta tradizionale di Natale che ricorda molto la nostra pizza con l’erba irpina, con ingredienti naturali.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

5.Bon bon di castagne e funghi con salsa di ciliegie

Questi antipasti vegani gourmet daranno sicuramente inizio alla festa questo Natale!

Bon bon di castagne e funghi con salsa di ciliegie

Portata Portata principale
Cucina Italiana

Ingredienti
  

  • 3 scalogni (tritati grossolanamente)
  • 1 cucchiaio di olio vegetale
  • 150 g cavolo (tritato grossolanamente)
  • 225 g castagne cotte (tritate grossolanamente)
  • 225 g funghi porcini (tritati grossolanamente)
  • q.b. sale
  • q.b. pepe
  • 1 cucchiaio di farina di grammo mescolato con 3 cucchiai di acqua

Per il rivestimento:

  • 100 g pangrattato
  • 100 g farina bianca tipo 00
  • 2 cucchiai di farina di grammo mescolati con 6 cucchiai di acqua

Per friggere i bonbon:

  • 1 lt olio vegetale

Per la salsa di ciliegie:

  • 20 ciliegie fresche (snocciolate e tritate)
  • 20 g zucchero semolato
  • 2 rametti di timo
  • 1 limone (spremuto)

Istruzioni
 

Per fare i bonbon:

  • Soffriggere lo scalogno nell'olio a fuoco medio per qualche minuto fino a renderlo morbido. 
  • Aggiungi il cavolo, le castagne e i funghi nella padella. Condire quindi cuocere per 10 minuti.
  • Togliere dal fuoco, raffreddare leggermente quindi mettere in un robot da cucina con l'uovo (o un sostituto vegano). Impulso per riunire, lasciando un po 'di consistenza. 
  • Mettere in frigo a rassodare.Una volta raffreddato, dividere il composto in 12 e formare delle palline.
  • Metti il ​​pangrattato, la farina bianca e l'uovo (o un sostituto vegano in 3 ciotole separate.
  • Ricopri ciascuno dei bonbon nella farina, poi nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato.
  • Scaldare l'olio in una padella grande, larga e robusta (non più della metà piena a 180°
  • Friggere i bonbon fino a quando l'esterno non è dorato. Potrebbe essere necessario farlo in più lotti. Una volta cotti, scolare i bonbon su carta da cucina.

Per preparare la salsa di ciliegie:

  • Mettere le ciliegie in una padella con lo zucchero e il timo, quindi portare a ebollizione. 
  • Cuocere fino a quando le ciliegie si sono disgregate e si è formato uno sciroppo.
  • Rimuovere il timo e aggiungere il succo di limone. Frullare fino a ottenere una purea liscia.

Per servire:

  • Servire i bonbon con la salsa di ciliegie a parte e guarnire con una decorazione.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

6.Girandola di frutta danese

Queste girandole danesi sono il dessert fruttato perfetto, o semplicemente come spuntino dolce o anche un’opzione per una colazione buonissima.

Le girandole possono essere sia salate che dolci.

Le girandole salate sono spesso riempite con ripieni per sandwich come prosciutto e formaggio. Questi sono molto popolari in Italia, dove i ripieni potrebbero essere costituiti da ingredienti come salumi, verdure e crema di formaggio.

Tuttavia, le girandole dolci sono anche un alimento base molto popolare in molte cucine diverse e vengono spesso consumate a colazione. Vengono quindi riempiti con cose come frutta, puree, marmellate e cioccolato.

Girandole di frutta danesi

Preparazione 45 minuti
Portata Dessert
Cucina danese
Porzioni 12 porzioni

Ingredienti
  

  • 320 g pasta sfoglia senza latte già pronta
  • 100 g purea di mele e mirtilli
  • 12 lamponi
  • q.b. zucchero a velo, per spolverare
  • q.b. una manciata di foglie di basilico fresco

Istruzioni
 

  • Preriscaldare il forno a 200°C. Foderare una teglia.
  • Stendere la sfoglia e tagliarla in 12 quadrati.
  • Metti una piccola quantità di purea di frutta al centro di ogni quadrato.
  • Taglia in diagonale da ogni angolo dei quadrati alla purea e gira i bordi alternati verso il centro creando una forma a stella – puoi usare un po' d'acqua per unire le punte se necessario.
  • Mettere su una teglia e cuocere in forno per circa 15 minuti o fino a doratura.
  • Lasciar raffreddare completamente, quindi adagiare un lampone al centro di ogni girandola e spolverizzare con zucchero a velo e basilico.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

7.Brownies al budino di Natale vegani

Rendi i brownies favolosamente festosi aggiungendo al mix il budino natalizio Free From. Sono senza latticini, quindi sono perfetti anche per i vegani.

Brownies al budino di Natale vegani

Portata Dessert
Cucina Italiana

Ingredienti
  

  • 150 g budino al cioccolato
  • 2 cucchiai di semi di lino macinati o semi di lino
  • 200 g cioccolato fondente tritato
  • 100 g crema spalmabile senza latte
  • 100 ml latte vegetale, come avena o mandorla
  • q.b. olio vegetale, per la teglia
  • 125 g farina autolievitante
  • 50 g mandorle tritate
  • 50 g cacao in polvere
  • 150 g zucchero semolato
  • 100 g zucchero a velo
  • ¼ cucchiaino di sale marino fino
  • 1 cucchiaino estratti di semi di vaniglia
  • q.b. un po' di zucchero a velo mescolato con un pizzico di cannella in polvere, per spolverare

Istruzioni
 

  • Tagliare o sbriciolare il budino natalizio gratuito in piccoli pezzi o pezzi e metterlo da parte. 
  • Mescolare i semi di lino o i semi di lino macinati con 4 cucchiai di acqua in una piccola ciotola e lasciare addensare e diventare gelatinosi.
  • Sciogli 150 g di cioccolato, la crema spalmabile e il latte insieme in una ciotola resistente al calore posta sopra un pentolino di acqua appena bollente (assicurati che il fondo della ciotola non tocchi l'acqua). 
  • Mescolare fino a quando il cioccolato si sarà sciolto e il composto sarà liscio. Togliere dal fuoco.
  • Riscaldare il forno a 180°C/160°C ventilato/gas 4. Oliare una tortiera per brownie o torta quadrata da 20 cm e foderare con carta da forno.
  • Sbattere brevemente la farina, le mandorle tritate, il cacao, gli zuccheri e il sale in una ciotola capiente con una frusta elettrica per rompere eventuali zollette di zucchero. 
  • Fai un pozzo al centro, quindi sbatti nella miscela di cioccolato, insieme alla miscela di semi di lino e vaniglia. Sbattere fino a che liscio e tutta la farina è incorporata – la pastella dovrebbe essere densa.
  • Piegare i pezzi di pudding natalizio e i pezzetti di cioccolato rimanenti fino a quando non vengono incorporati, quindi raschiare nella teglia preparata. 
  • Lisciare la superficie con una spatola e infornare per 40-50 minuti fino a quando la parte superiore ha una leggera crosticina e c'è una leggera oscillazione al centro. Uno spiedino inserito nel mezzo dovrebbe avere briciole umide attaccate ad esso, ma nessuna pastella cruda. 
  • Lasciar raffreddare completamente nello stampo.
  • Tagliare i brownies a quadretti e servire a temperatura ambiente, oppure metterli in frigo per una consistenza più soffice. 

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

8.Gratin vegano di cavoletti di Bruxelles, porri e castagne

Questo gratin invernale vegano è perfetto per una fredda notte d’inverno ed è relativamente facile da preparare. Una volta cotte le verdure e amalgamata la cremina, basta mettere tutti gli ingredienti in una pirofila e cuocere per mezz’ora.

Questo piatto funziona alla grande come contorno e le dimensioni delle porzioni suggerite di seguito sono ideali per questo, ma è un ottimo pasto da solo se ne servi una ciotola abbondante!

Gratin vegano di cavoletti di Bruxelles, porri e castagne

Preparazione 1 ora
Portata Portata principale
Cucina danese
Porzioni 6 persone

Ingredienti
  

  • 500 g cavolini di Bruxelles, mondati e lavati
  • 3 porri, lavati e affettati
  • 1 cucchiaio di burro vegetale
  • 4 spicchi d'aglio, sbucciati e tritati finemente
  • 3 cucchiai di senape integrale
  • 1 cucchiaio di foglie di timo fresco
  • 500 ml panna di soia
  • 180 g castagne precotte (disponibili sottovuoto nei supermercati)
  • q.b. sale marino
  • q.b. pepe nero
  • 100 g pangrattato
  • 4 cucchiai di lievito alimentare

Istruzioni
 

  • Cuocete a vapore o lessate i germogli per un paio di minuti, scolateli e trasferiteli in una pirofila. 
  • Tritate grossolanamente le castagne e aggiungetele nel piatto distribuendole uniformemente.
  • Sciogliere il burro in una padella e aggiungere i porri e l'aglio. Cuocere dolcemente per qualche minuto fino a quando non si ammorbidisce.
  • Preriscalda il forno a 180°C. Aggiungere la panna, i porri, l'aglio, la senape, il timo e un po' di condimento in una ciotola e mescolare bene per unire. 
  • Versare questo composto sulle castagne e sui germogli. Mescolare il pangrattato e il lievito alimentare e cospargerli sulla parte superiore del gratin.
  • Trasferire in forno e cuocere per 30 minuti o fino a quando non diventa dorato e spumeggiante.
  • Servire caldo, come accompagnamento a un pasto principale o con un'insalata verde croccante per un delizioso pranzo stagionale.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Conclusioni

Il Natale è servito anche per chi preferisce non mangiare carne. Con queste idee varie tra antipasti, secondi, contorni e dolci, spero di aver stimolato la vostra creatività in cucina! Aspetto di vedere i risultati, vi aspetto sui social!

Buone Feste a tutti voi