Pesto di mandorle e pomodori secchi: un condimento veloce, facile e gustoso: d’estate è l’ideale. Potremo condirci la pasta o le friselle oppure preparare delle ottime bruschette!

Pesto di mandorle e pomodori secchi: origini della ricetta

Il pesto di mandorle e pomodori secchi è una variante del classico pesto alla genovese, ed è una ricetta che ha radici nella cucina mediterranea. Tuttavia, non esiste una storia precisa sulle sue origini, ma possiamo immaginare che sia stata creata in regioni del Mediterraneo dove l’uso di mandorle e pomodori secchi è tradizionale nella cucina locale.

Le mandorle sono un ingrediente ampiamente utilizzato in molte preparazioni culinarie italiane, specialmente nelle regioni del sud, come la Sicilia e la Puglia. Le mandorle possono essere facilmente conservate essiccate, così come i pomodori, rendendo questi ingredienti ideali per lunghe conservazioni e l’utilizzo in periodi dell’anno in cui i prodotti freschi potrebbero essere meno disponibili.

Una tradizione ligure

Il pesto in sé è una salsa tipica della Liguria, nella regione nord-ovest dell’Italia, che è fatta principalmente con basilico, pinoli, olio d’oliva, aglio e formaggio (di solito il parmigiano o il pecorino). Questa salsa veniva tradizionalmente preparata utilizzando un mortaio e un pestello, da cui il nome “pesto.”

L’evoluzione di nuove varianti del pesto, come quella con mandorle e pomodori secchi, potrebbe essere nata dalla creatività di cuochi e appassionati di cucina che hanno voluto sperimentare con nuovi ingredienti e sapori, aggiungendo il sapore unico delle mandorle tostate e dei pomodori secchi al tradizionale pesto.

Oggi, il pesto di mandorle e pomodori secchi è una prelibatezza molto apprezzata e utilizzata in diverse ricette, come condimento per la pasta, sul pane tostato o come accompagnamento per piatti di carne o pesce. La sua popolarità si è diffusa in molte parti del mondo, rendendolo una delle tante deliziose variazioni del classico pesto italiano.

Pesto di mandorle e pomodori secchi

Preparazione 15 minuti
Portata Contorno
Cucina Italiana
Porzioni 4 porzioni

Ingredienti
  

  • 200 g pomodori secchi
  • 40 g mandorle spellate
  • 20 foglie di basilico
  • ½ spicchio di aglio
  • 50 g parmigiano e/o pecorino
  • 5 cucchiai di olio extravergine
  • q.b.  sale
  • 2 cubetti di ghiaccio

Istruzioni
 

  • Scoliamo i pomodori secchi dall’olio.
  • Versiamo le mandorle (io ho utilizzato quelle spellate esclusivamente per creare un contrasto di colore con il rosso dei pomodori,volendo potrete utilizzare quelle con la pelle) nel mixer.
  • Tritiamole leggermente.
  • Poi aggiungiamo i pomodori secchi, il basilico, un pizzichino di sale, il parmigiano grattugiato, metà spicchio di aglio privato dell’anima, l’olio evo.
  • Tritiamo a scatti, controllando la consistenza ogni poco. Aiutandoci con un spatola raccogliamo il condimento lungo le pareti e portiamolo verso il centro.
  • Per una maggiore cremosità aggiungiamo, verso la fine, uno o due cubetti di ghiaccio.
  • Io ho lasciato il pesto piuttosto grossolano. Assaggiatelo e decidete se farlo più raffinato, continuando a tritarlo fino alla consistenza desiderata.
  • Questa quantità è sufficiente per condire 4 porzioni di pasta oppure preparare una decina di bruschette.
  • Potrete usare i pomodori secchi sott’olio già pronti oppure fate come me: ho comprato una busta di pomodori secchi e li ho messi a bagno in acqua tiepida per due, tre ore.
  • Trascorso questo tempo li ho strizzati ed asciugati e poi li ho conditi con olio, sale, aglio tritato, capperi dissalati,acciughe sott’olio e origano.
  • Li ho sistemati in un vasetto di vetro. Ho ricoperto con olio evo e li ho riposti in frigo sino al momento del bisogno. In questo modo risulteranno più buoni di quelli confezionati.
  • Questo pesto si conserva in frigo per quattro cinque giorni,in un vasetto di vetro con chiusura ermetica.

Come condire la pasta

  • Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata, scoliamola al dente conservando uno o due mestoli di acqua di cottura.
  • In padella versiamo il pesto, il mestolo di acqua di cottura e la pasta. Mescoliamo tenendo la fiamma al minimo per distribuire il pesto in maniera uniforme. Nel caso, aggiungiamo un altro poco di acqua di cottura.
  • Serviamo con una spolverata di formaggio grattugiato e qualche foglia di basilico per decorazione.

Come preparare le bruschette

  • Prendiamo delle fette di pane secco, anche di qualche giorno. Se ce l’avete solo fresco, non preoccupatevi, utilizzate quello.
  • Riscaldiamo una padella antiaderente o una bistecchiera di ghisa e facciamo tostare le fette di pane qualche minuto per lato. Volendo farle più saporite aggiungiamo un filo d’olio evo.
    Possiamo utilizzare qualunque tipo di pane, bianco, integrale, ai cereali.
  • Una volta tostato, spalmiamo la superficie con il pesto, distribuiamo un filino d’olio e decoriamo con una fogliolina di basilico.

Note

La mia piastra ad induzione.
 
Le mie padelle:

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Consigli per preparare al meglio il pesto di mandorle e pomodori secchi

Ecco alcuni consigli per preparare al meglio il pesto di mandorle e pomodori secchi:

  1. Ingredienti freschi: Assicurati di utilizzare mandorle fresche e pomodori secchi di alta qualità. Le mandorle dovrebbero essere tostate leggermente per esaltarne il sapore, mentre i pomodori secchi dovrebbero essere morbidi e aromatici.
  2. Utilizza un buon olio d’oliva: L’olio d’oliva è un elemento fondamentale del pesto, quindi usa un olio extra vergine di alta qualità per ottenere un gusto ricco e autentico.
  3. Scegli il basilico: Se vuoi mantenere una base più tradizionale per il pesto, puoi includere anche del basilico fresco. Tuttavia, se preferisci mettere in risalto il sapore delle mandorle e dei pomodori secchi, puoi optare per un po’ meno di basilico o eliminarlo del tutto.
  4. Aggiungi formaggio grattugiato: Per rendere il pesto più cremoso, puoi aggiungere del formaggio grattugiato come il parmigiano o il pecorino. Assicurati di utilizzare formaggio di qualità per ottenere un sapore migliore.
  5. Tritura bene gli ingredienti: Quando triti gli ingredienti nel mixer o con un mortaio e un pestello, assicurati di ottenere una consistenza omogenea, ma lascia anche qualche piccolo pezzo di mandorle per una consistenza più rustica.
  6. Regola la consistenza: Se il pesto risulta troppo denso, puoi aggiungere un po’ di acqua di cottura della pasta o un filo di olio d’oliva per renderlo più fluido. Al contrario, se è troppo liquido, puoi aggiungere più mandorle o formaggio per addensarlo.
  7. Correggi il sapore: Assaggia il pesto e, se necessario, aggiusta il sapore con un pizzico di sale o pepe, o aggiungendo più mandorle o formaggio per bilanciare i sapori.
  8. Conservazione: Se non lo utilizzi subito, conserva il pesto in un contenitore ermetico coprendo la superficie con un sottile strato di olio d’oliva per evitare che si ossidi. Si manterrà bene in frigorifero per alcuni giorni.

Seguendo questi consigli, otterrai un delizioso pesto di mandorle e pomodori secchi che si presterà a diverse preparazioni culinarie, aggiungendo un tocco mediterraneo ai tuoi piatti. Buona cucina!

Come conservare il pesto di mandorle e pomodori secchi

Per conservare il pesto di mandorle e pomodori secchi in modo ottimale, segui questi passaggi:

  1. Trasferimento in un contenitore ermetico: Dopo aver preparato il pesto, trasferiscilo immediatamente in un contenitore ermetico. Assicurati che il contenitore sia sufficientemente grande da contenere tutto il pesto senza riempirlo fino all’orlo.
  2. Coprire con olio d’oliva: Per evitare l’ossidazione del pesto e mantenere il colore verde brillante, copri la superficie del pesto con uno strato sottile di olio d’oliva. Questo aiuterà a isolare il pesto dall’aria e preservarne la freschezza.
  3. Chiudi ermeticamente: Assicurati che il coperchio del contenitore sia ben chiuso in modo da evitare l’ingresso di aria, che potrebbe causare l’ossidazione del pesto.
  4. Conservazione in frigorifero: Il pesto di mandorle e pomodori secchi dovrebbe essere conservato in frigorifero. Trova un’area del frigorifero dove la temperatura è costante e non subisce sbalzi termici.
  5. Durata della conservazione: Il pesto di mandorle e pomodori secchi può essere conservato in frigorifero per circa 4-5 giorni. Dopo questo periodo, il sapore e la freschezza potrebbero iniziare a deteriorarsi.
  6. Congelamento: Se desideri conservare il pesto per un periodo più lungo, puoi congelarlo. Metti il pesto in sacchetti per il congelamento o in contenitori adatti al congelatore, rimuovendo l’aria e lasciando un po’ di spazio per l’espansione. Il pesto congelato può essere conservato fino a 3-4 mesi.
  7. Scongelamento: Per utilizzare il pesto congelato, trasferiscilo in frigorifero per scongelarlo lentamente durante la notte. Evita di scongelare il pesto a temperatura ambiente, poiché potrebbe comprometterne la qualità.

Ricordati di prestare sempre attenzione alle condizioni di conservazione del pesto per assicurarti di avere un prodotto gustoso e sicuro da consumare. Con queste semplici precauzioni, potrai goderti il tuo pesto di mandorle e pomodori secchi in diverse preparazioni culinarie per un periodo più lungo. Buon appetito!

Come reidratare i pomodori secchi?

Per reidratare i pomodori secchi, segui questi semplici passaggi:

  1. Scegli i pomodori secchi: Assicurati di avere pomodori secchi di buona qualità, preferibilmente quelli confezionati senza conservanti o aggiunte di sale in eccesso.
  2. Sciacqua i pomodori secchi: Prima di iniziare la reidratazione, sciacqua i pomodori secchi sotto acqua corrente per rimuovere eventuali residui di polvere o sporco.
  3. Metti i pomodori secchi in ammollo: Trasferisci i pomodori secchi in una ciotola abbastanza grande e coprili completamente con acqua calda. Assicurati che siano completamente immersi nell’acqua.
  4. Ammollo dei pomodori secchi: Lascia i pomodori secchi in ammollo per almeno 30 minuti o fino a quando non diventano morbidi e si riidratano completamente. Il tempo di ammollo potrebbe variare a seconda delle dimensioni e della densità dei pomodori secchi.
  5. Controlla la consistenza: Controlla i pomodori secchi dopo il tempo di ammollo e assicurati che siano diventati morbidi e riidratati. Se necessario, puoi prolungare l’ammollo per qualche minuto in più.
  6. Scolatura: Una volta che i pomodori secchi sono ben reidratati, scolali dall’acqua di ammollo e tamponali delicatamente con un panno pulito per rimuovere l’acqua in eccesso.

Ora i tuoi pomodori secchi sono pronti per essere utilizzati in diverse ricette. Potresti volerli tagliare a pezzetti o lasciarli interi, a seconda della preparazione culinaria che hai in mente. I pomodori secchi reidratati possono essere utilizzati in pasta, insalate, salse, piatti di carne e molto altro per aggiungere un sapore intenso e concentrato alle tue pietanze.

Come lavare i pomodori secchi comprati?

Per lavare i pomodori secchi che hai comprato, segui questi semplici passaggi:

  1. Prepara una ciotola d’acqua: Riempire una ciotola con acqua fredda a temperatura ambiente. Assicurati che la ciotola sia abbastanza grande da contenere tutti i pomodori secchi che desideri lavare.
  2. Sciacqua i pomodori secchi: Prendi i pomodori secchi e sciacquali sotto acqua corrente per rimuovere eventuali residui di polvere o sporco superficiali. Puoi farlo rapidamente passandoli sotto l’acqua corrente del rubinetto.
  3. Immergi i pomodori secchi nell’acqua: Metti i pomodori secchi nella ciotola d’acqua che hai preparato in precedenza. Assicurati che siano completamente immersi nell’acqua.
  4. Ammollo dei pomodori secchi: Lascia i pomodori secchi nell’acqua per alcuni minuti. Durante questo periodo, l’acqua aiuterà a sciogliere e rimuovere eventuali residui di sporco o polvere rimasti sulla superficie dei pomodori secchi.
  5. Scolatura: Trascorso il tempo di ammollo, scola i pomodori secchi dall’acqua. Puoi farlo usando un colino o semplicemente versando l’acqua delicatamente, facendo attenzione a non perdere i pomodori secchi.
  6. Tampona delicatamente: Tampona delicatamente i pomodori secchi con un panno o un tovagliolo pulito per rimuovere l’acqua in eccesso.

Ora i tuoi pomodori secchi saranno puliti e pronti per essere utilizzati nelle tue ricette. Puoi tagliarli a pezzetti o lasciarli interi, a seconda di come desideri utilizzarli nei tuoi piatti. I pomodori secchi sono un ingrediente versatile che aggiungerà un sapore ricco e concentrato alle tue preparazioni culinarie.

Alternative alla ricetta

Ecco tre alternative alla ricetta del pesto di mandorle e pomodori secchi:

Pesto di mandorle e limone

Pesto di mandorle e limone, ideale per la stagione estiva, quando si ha poca voglia di cucinare: veloce e fresco è ottimo per condire la pasta ma mescolato ad uno yogurt greco o a del formaggio spalmabile diventa una salsa da utilizzare come accompagnamento al petto di pollo o per preparare delle gustose insalate e bruschette.

Pesto di rucola e mandorle

Il pesto di rucola e mandorle è una gustosa variante del classico pesto genovese, o a quelli speciali come mandorle e limone o pistacchi e menta: questo è caratterizzato dall’uso della rucola al posto del basilico e delle mandorle al posto dei pinoli. Questa combinazione crea un pesto dal sapore vivace e aromatico, perfetto per dare un tocco di freschezza ai tuoi piatti.

Pesto di pistacchi e menta

Il pesto di pistacchi e menta è una deliziosa variante del pesto tradizionale, caratterizzata dal gusto unico dei pistacchi e dalla freschezza della menta. Questa combinazione crea un pesto aromatico e pieno di sapore, ideale per arricchire i tuoi piatti.

Guarda anche

https://www.antoniettapolcaro.it/pesto-alla-genovese-videoricetta/