Luoghi e Persone

Martina, Londra e il mercato di Borough Market.

Martina è figlia di una mia cugina canadese. Una bellissima ragazza, alta un metro e ottantasette.

Quando mi abbraccia, mi fa strano: non è normale, mi dico, io sono la quasi zia, dovrei poterla accogliere tra le mia braccia. Invece no e mi sento una ridicola nanetta. Circa due anni fa volò da Montreal a Londra, per frequentare un master in Storia dell’Architettura. Nel frattempo, per mantenersi, lavora.

E’ una ragazza speciale, quando la guardo mi viene in mente il favoloso mondo di Amélie. Ha voluto, come tesi del suo master, organizzare una mostra fotografica a conclusione di un percorso che negli anni precedenti l’ha vista impegnata a ricostruire le sue origini italiane, andando a fare ricerche nel paese di origine paterno, Galluccio, in provincia di Caserta. Tra me e lei, c’è un legame speciale.

Ad agosto è passata a salutarmi dopo essere stata lì per ricevere un riconoscimento ufficiale dal Comune e mi ha parlato, tutta entusiasta, di questa sua tesi a dicembre e del fatto che, probabilmente, lei e la mamma, che da Montreal l’avrebbe raggiunta a Londra, sarebbero venute a trascorrere le feste di Natale con noi.

Allora io, che sono un’impulsiva sentimentale sempre prossima alle lacrime, le ho promesso che sarei andata ad assistere alla sua laurea.

Pensare che una ragazza di 28 anni si impegni a ricostruire lettere e foto dei suoi parenti emigrati, cercando di comprendere sentimenti e stati d’animo mi aveva fatto venire la pelle d’oca. E’ stato bello e commuovente esserci.

Ora, veniamo alla parte giocosa.

Trovandomi lì, abbiamo girato qualche filmato sul cibo e sui luoghi tipici. Così, senza pretesa alcuna, con lo stesso spirito con cui siamo stati a Montella e Bagnoli.

Alla fine, abbiamo scoperto che l’Italia è sempre protagonista, sia nel cibo che nelle arti. Ed allora inizio a presentarvi il Mercato di Borough Market. Buon divertimento!