Primi Piatti Ricette

Mafalde ai profumi dell’orto.

Antonietta Polcaro
Scritto da Antonietta Polcaro
Un’idea simpatica, colorata e piena di odori per un primo piatto veloce. Il formato di pasta, leggermente doppio e “scivoloso”, esalta il sapore dell’insieme.
mafalde ai profumi dell'orto

Ingredienti per 4 persone

  • 350/400 g di mafalde o altro tipo pasta
  • 500/600 g di pomodorini maturi
  • olio evo
  • aglio, origano, tanto basilico, cipolla se piace, sale.

Laviamo i pomodorini, ciliegino, datterino o piccadilly molto maturi,  e tagliamoli a metà, senza togliere la buccia. Disponiamoli in una pirofila rivestita di carta forno con la parte dei semi rivolta verso il basso. Mettiamo in forno caldo a 160° per un quarto d’ora.

Dopodiché, se ci piace la cipolla, affettiamola molto sottilmente e distribuiamola sui pomodori insieme all’aglio tagliato a metà o a fettine. Facciamo cuocere in forno per un altro quarto d’ora più o meno, dipenderà dal nostro forno. Qualche minuto prima della fine della cottura, quando i pomodorini risulteranno leggermente appassiti, condiamo con dell’olio evo (sulla quantità ci regoliamo un po’ a piacere), distribuiamo l’origano e ricopriamo completamente e abbondantemente con il basilico in foglie. Ancora due minuti di forno ed il nostro condimento sarà pronto.

Nel frattempo avremo messo a bollire una pentola con abbondante acqua salata, quindi lessiamo la nostra pasta al dente e, una volta scolata, condiamo direttamente nella pirofila, così il condimento un po’ caramellizzato sulla carta forno si scioglierà tutto.

Impiattiamo.

mafalde ai profumi dell'orto

Volendo potremo mettere l’olio extravergine, la cipolla e l’aglio sulla base della carta forno prima di appoggiarvi i pomodori tagliati a testa in giù. Verrà una crosticina maggiore perché chiaramente cuoceranno insieme l’olio.

Per avere i pomodorini sempre maturi i faccio così: appena comprati, sempre in una bella quantità, li metto in un cesto di vimini al sole fino a quando i pomodori risultano morbidi e succosi. Attingo a questa “dispensa” per il consumo giornaliero, anche per condire le freselle.

Guarda anche