Ricette

I Roccocò. Video Ricetta

La video ricetta per preparare i roccocò con ingredienti, proporzioni, tempi ed alcuni piccoli suggerimenti.

Lo preferite morbido o duro e scrocchiarello? Secondo la tradizione napoletana, che fa risalire al 1320 la sua prima preparazione per opera delle monache del Real Convento della Maddalena, il roccocò è duro, tanto che si usa bagnarlo nel vermouth, nello spumante, nel marsala.

Qualcuno lo mangia anche a colazione, inzuppato nel latte. In ogni caso, è buonissimo e l’odore del pisto, in cottura, riempie la casa di un profumo che fa subito festa!

Ricorda le atmosfere nordiche di Babbo Natale, gli omini di pan di zenzero o le casette di biscotto, che si trovano pure al reparto alimentare dell’Ikea!

La cottura è decisiva.

Venti minuti in forno vi restituiranno roccocò morbidi ed anche abbastanza umidi (eventualmente nell’impasto, per averli più teneri, potrete aggiungere un cucchiaio di miele).

Volendo, li potrete far asciugare leggermente ad una temperatura di 100° per altri 15/30 minuti. Se vi piacciono duri, prolungate la cottura anche per mezz’ora, coprendoli con alluminio per non farli scurire. Dopodiché, potrete infornarli a 100° per un’altra mezz’ora.

Insomma, un dolce veloce da fare spesso per capire come vi piace di più! Io li preferisco con tantissime mandorle. Volendo, la dose può essere diminuita.