Frittata di spaghetti: un piatto classico, tipico della cucina estiva. Ottima da portare nelle scampagnate, da servire a casa quando siamo in tanti, da mangiare sia calda che fredda, fatta con la pasta avanzata ma anche cotta appositamente.

Frittata di spaghetti: origini della ricetta

La frittata di spaghetti è un piatto tipico della cucina italiana che ha origini nel riciclo degli avanzi di spaghetti. La sua storia risale probabilmente all’epoca in cui il consumo della pasta era molto diffuso in Italia e si cercava di evitare lo spreco alimentare.

La frittata di spaghetti è una preparazione semplice e gustosa che permette di riutilizzare gli avanzi di pasta cotta. Si ritiene che la ricetta abbia avuto origine nelle famiglie italiane, dove le mamme e le nonne cercavano di trovare modi creativi per utilizzare gli avanzi di pasta avanzati dai pasti precedenti.

Può essere servita calda o fredda

La frittata di spaghetti può essere servita calda o fredda, tagliata a spicchi o a dadini. È un piatto versatile che può essere arricchito con altri ingredienti come verdure, prosciutto, pancetta o formaggi vari, a seconda dei gusti e degli avanzi disponibili in cucina.

Oggi, la frittata di spaghetti è diventata un piatto molto popolare in Italia e viene spesso consumata come piatto principale o come antipasto. La sua semplicità e la possibilità di personalizzarla con gli ingredienti preferiti hanno contribuito alla sua diffusione e alla sua presenza nelle tavole degli italiani.

Frittata di spaghetti

Preparazione 50 minuti
Portata Aperitivo, Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 8 persone

Ingredienti
  

  • 500 g pasta (spaghetti, bucatini, ziti)
  • 250 g salsa di pomodoro cotto
  • 8 uova
  • 100 g pancetta/speck o salame
  • 100 g formaggio grattugiato
  • 400 g scamorza/provola o fiordilatte
  • q.b. olio extravergine
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

Istruzioni
 

  • Se non abbiamo pasta avanzata (sul cui peso calibreremo più o meno le dosi degli altri ingredienti), prepariamola a parte, lessandola in abbondante acqua salata.
    Io ho utilizzato i bucatini, ma potremo scegliere spaghetti o pasta lunga spezzata.
  • Scoliamoli molto al dente.
  • Condiamo con una salsa di pomodoro cotta per una decina di minuti con olio e aglio.
    Potremo utilizzare del sugo avanzato o preparare la frittata in bianco, condendo la pasta solo con olio evo.
  • Facciamola raffreddare bene, meglio passarla in frigo per almeno qualche ora.
     Io l’ho preparata la sera prima e conservata in una ciotola coperta da pellicola.
  • Tagliamo a bastoncini o dadini la pancetta.
    Io ho utilizzata quella tesa non affumicata, ma potremo scegliere diversamente e utilizzare speck, salame napoli o milano.
  • Tagliamo a cubetti piccoli anche la scamorza.
  • In una ciotola rompiamo le uova, sbattiamole con una forchetta aggiungendo poi sale e pepe.
  • Aggiungiamo la pasta e i salumi e amalgamiamo il tutto.
  • In una capace padella versiamo poco olio extravergine e facciamolo riscaldare. Ho preferito appoggiare la padella su uno spargifiamma, per assicurare una cottura più omogenea della frittata.
  • Versiamo la metà della pasta in padella, facciamo uno strato con la provola o con il fiordilatte (ho fatto così per evitare che i pezzi si attaccassero al fondo e risultasse più difficile girare la frittata).
  • Ricopriamo con l’altra metà della pasta.
  • Facciamo cuocere con coperchio a fiamma bassa per 10/15minuti.
  • Dopodiché aiutandoci con una cucchiaia o una spatola assicuriamoci di staccare completamente il fondo e, afferrando saldamente la padella, capovolgiamo la su frittata un coperchio.
  • Rimettiamo la padella sulla fiamma, versiamo un filino di olio e facciamo scivolare la frittata per cuocerla sull’altro lato, per altri sette, otto minuti.
  • Adagiamo la frittata su carta assorbente da cucina.
  • Facciamola intiepidire prima di affettarla.
    Potremo servirla sia calda che fredda.

Note

Qui trovate la padella che ho utilizzato nel video per preparare la frittata. 

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Consigli per preparare al meglio la frittata di spaghetti

Ecco alcuni consigli per preparare al meglio la frittata di spaghetti:

  1. Utilizza gli avanzi di spaghetti: La frittata di spaghetti è un piatto ideale per riutilizzare gli avanzi di pasta cotta. Assicurati di avere una quantità sufficiente di spaghetti avanzati da un pasto precedente.
  2. Scegli una padella antiaderente: Per evitare che la frittata si attacchi durante la cottura, utilizza una padella antiaderente. In questo modo, sarà più facile girare la frittata e ottenere un risultato perfetto.
  3. Sbatti bene le uova: Assicurati di sbattere le uova in modo uniforme, in modo che si mescolino bene con gli spaghetti. Aggiungi sale, pepe e formaggio grattugiato per dare sapore al composto.
  4. Mescola bene gli spaghetti con le uova: Una volta sbattute le uova, aggiungi gli spaghetti e mescola bene in modo che ogni filo di pasta sia ricoperto dalla miscela di uova. In questo modo, la frittata risulterà più omogenea.
  5. Regola la temperatura di cottura: Cuoci la frittata a fuoco medio-basso per evitare che si bruci o si asciughi troppo rapidamente. Una cottura lenta e delicata permette di ottenere una frittata morbida e gustosa.
  6. Girala con cura: Quando la frittata inizia a solidificarsi da un lato, puoi girarla utilizzando un piatto. Appoggia il piatto sulla padella, capovolgila e fai scivolare la frittata sulla parte opposta per cuocerla dall’altro lato. Fallo con delicatezza per evitare di rompere la frittata.
  7. Aggiungi ingredienti extra: Se desideri arricchire la tua frittata di spaghetti, puoi aggiungere altri ingredienti come verdure, prosciutto, pancetta o formaggi vari. Aggiungi gli ingredienti scelti insieme agli spaghetti e mescola bene prima di versare il composto nella padella.
  8. Taglia e serve: Una volta cotta, puoi tagliare la frittata di spaghetti a spicchi o a dadini, a seconda delle tue preferenze. Puoi servirla calda o fredda, come piatto principale o come antipasto.

Seguendo questi consigli, sarai in grado di preparare una deliziosa frittata di spaghetti, sfruttando al meglio gli avanzi di pasta e ottenendo un piatto gustoso e apprezzato da tutti.

Come si fa a non far attaccare la frittata?

Ecco alcuni suggerimenti per evitare che la frittata si attacchi alla padella:

  1. Utilizza una padella antiaderente: Assicurati di utilizzare una padella antiaderente di buona qualità. Questo tipo di padella ha una superficie rivestita che riduce il rischio che gli ingredienti si attacchino durante la cottura.
  2. Scalda la padella adeguatamente: Prima di versare il composto per la frittata, assicurati che la padella sia ben scaldata. Puoi farlo a fuoco medio-basso per alcuni minuti, in modo che la padella sia uniformemente calda.
  3. Aggiungi olio o burro: Prima di versare il composto per la frittata, aggiungi un po’ di olio d’oliva o burro nella padella scaldata. Distribuiscilo in modo uniforme su tutta la superficie. Questo aiuterà a creare uno strato protettivo tra la frittata e la padella, riducendo il rischio di attaccamento.
  4. Versa il composto in modo uniforme: Quando versi il composto per la frittata nella padella, assicurati di distribuirlo in modo uniforme. Puoi aiutarti con un cucchiaio o una spatola per distribuire gli ingredienti in modo omogeneo sulla superficie della padella.
  5. Cottura a fuoco medio-basso: Mantieni la fiamma a fuoco medio-basso durante la cottura della frittata. Una temperatura troppo alta può far attaccare la frittata alla padella. Una cottura lenta e controllata permette di ottenere una frittata più morbida e facilita il distacco dalla padella.
  6. Usa una spatola per staccare i bordi: Durante la cottura, utilizza una spatola per staccare delicatamente i bordi della frittata dalla padella. Questo aiuta a prevenire che si attacchi e facilita il successivo processo di giratura.
  7. Girala con cura: Quando la frittata è abbastanza solidificata da un lato, puoi girarla con l’aiuto di un piatto. Appoggia il piatto sulla padella, capovolgila e fai scivolare la frittata sulla parte opposta per cuocerla dall’altro lato. Fallo lentamente e con delicatezza per evitare che si rompa o si attacchi alla padella.

Seguendo questi consigli, puoi ridurre il rischio di attaccamento della frittata alla padella e ottenere un risultato finale perfetto, con una superficie dorata e uniforme.

Come conservare la frittata di spaghetti

Per conservare correttamente la frittata di spaghetti, segui questi consigli:

  1. Raffredda completamente: Prima di conservare la frittata, assicurati che si sia raffreddata completamente. Lasciala riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti.
  2. Taglia la frittata: Se hai preparato una frittata intera, puoi tagliarla a spicchi o a dadini prima di conservarla. In questo modo, sarà più facile e pratico da servire in seguito.
  3. Utilizza contenitori ermetici: Trasferisci la frittata di spaghetti in un contenitore ermetico o avvolgila saldamente con pellicola trasparente. Assicurati che il contenitore sia sufficientemente grande per contenere la frittata senza schiacciarla.
  4. Conserva in frigorifero: Metti la frittata nel frigorifero e conservala a una temperatura di circa 4°C. Assicurati che il frigorifero sia pulito e che il contenitore sia ben chiuso per evitare la contaminazione di odori o sapori.
  5. Consuma entro 2-3 giorni: La frittata di spaghetti può essere conservata in frigorifero per un massimo di 2-3 giorni. Dopo questo periodo, la qualità e il sapore potrebbero deteriorarsi. Quindi, cerca di consumarla nel minor tempo possibile per garantirne la freschezza.
  6. Riscalda prima di consumare: Prima di servire la frittata, puoi riscaldarla. Puoi farlo mettendo la frittata in una padella antiaderente a fuoco medio-basso o nel forno preriscaldato a circa 180°C per alcuni minuti, fino a quando sarà calda.

Ricorda che la frittata di spaghetti è migliore quando consumata fresca, ma se devi conservarla, segui questi suggerimenti per mantenere la sua qualità e sicurezza alimentare.

La frittata di pasta si può fare il giorno prima?

Sì, la frittata di pasta può essere preparata il giorno prima e conservata in frigorifero. Seguendo correttamente i consigli di conservazione che ho fornito in precedenza, puoi tranquillamente preparare la frittata di pasta in anticipo e conservarla per consumarla il giorno successivo.

Una volta cotta e raffreddata, puoi tagliare la frittata a spicchi o a dadini, metterla in un contenitore ermetico o avvolgerla con pellicola trasparente e conservarla in frigorifero. Assicurati che il contenitore sia ben chiuso per evitare la contaminazione di odori o sapori.

Quando desideri consumare la frittata di pasta il giorno successivo, puoi riscaldarla. Metti la frittata in una padella antiaderente a fuoco medio-basso o nel forno preriscaldato a circa 180°C per alcuni minuti, fino a quando sarà calda.

Tieni presente che la consistenza della frittata potrebbe essere leggermente diversa rispetto a quando viene appena preparata, ma rimarrà comunque gustosa. Assicurati di consumarla entro 2-3 giorni dalla preparazione per garantirne la freschezza e la qualità.

Quante uova servono per fare una frittata per una persona?

Generalmente, per preparare una frittata per una persona, si utilizzano da 2 a 3 uova. Tuttavia, la quantità di uova dipende anche dalle dimensioni delle uova stesse e dalle preferenze personali riguardo alla consistenza e alla dimensione della frittata.

Se preferisci una frittata più sottile o hai uova di grandi dimensioni, potresti optare per 2 uova. Se invece desideri una frittata più corposa o hai uova di dimensioni più piccole, potresti preferire utilizzare 3 uova.

Ricorda che, oltre alle uova, puoi aggiungere altri ingredienti come gli avanzi di spaghetti, formaggi, verdure o carni. Tali ingredienti possono influire sulla quantità complessiva del composto e sulla grandezza della frittata.

In definitiva, se hai dubbi riguardo alle dimensioni della frittata o alle quantità di uova da utilizzare, puoi sempre adattare la ricetta alle tue preferenze personali e ai tuoi gusti.

Qual è la differenza tra omelette e frittata?

La differenza principale tra un’omelette e una frittata risiede nella tecnica di preparazione e nella consistenza finale.

L’omelette, o “omelette francese”, è una preparazione in cui le uova vengono sbattute insieme e successivamente cucinate in una padella calda con un po’ di burro o olio. Durante la cottura, l’omelette viene piegata a metà o arrotolata su se stessa, creando una forma compatta e morbida al centro. L’omelette è solitamente ripiena di ingredienti come formaggi, erbe aromatiche, verdure o affettati. La consistenza finale dell’omelette è soffice e leggera.

La frittata, d’altra parte, viene preparata mescolando le uova sbattute con altri ingredienti come verdure, carne, formaggi o pasta. Il composto viene poi versato in una padella calda e cotto a fuoco medio-basso fino a quando si solidifica. A differenza dell’omelette, la frittata non viene piegata o arrotolata, ma viene cotta su entrambi i lati e può essere servita a fette o a dadini. La consistenza finale della frittata è più compatta rispetto all’omelette.

In sintesi, l’omelette è una preparazione più leggera e soffice, spesso ripiena di ingredienti, mentre la frittata è più solida e compatta, con gli ingredienti mescolati alle uova e cotti insieme. Entrambe sono deliziose e possono essere personalizzate con una vasta gamma di ingredienti a piacere. La scelta tra l’omelette e la frittata dipende dalle preferenze personali e dalla consistenza desiderata.

Alternative alla ricetta

Ecco tre alternative alla ricetta della frittata con gli spaghetti:

Frittata di patate e cipolle

Prepara una frittata utilizzando patate e cipolle come ingredienti principali. Taglia le patate a fette sottili e le cipolle a rondelle. Soffriggi le cipolle in una padella con un po’ di olio d’oliva, aggiungi le patate e cuoci fino a quando sono morbide. Sbatti le uova con sale, pepe e prezzemolo e versale nella padella con le patate e le cipolle. Cuoci a fuoco medio-basso fino a quando la frittata si solidifica e si dorata sui bordi. Puoi tagliarla a spicchi e servirla come antipasto o piatto principale.

Frittata di zucchine e formaggio

Taglia le zucchine a rondelle sottili e saltale in padella con un po’ di olio d’oliva fino a quando sono morbide. Sbatti le uova con formaggio grattugiato (come parmigiano o pecorino), sale e pepe. Aggiungi le zucchine alle uova sbattute e mescola bene. Versa il composto in una padella e cuoci a fuoco medio-basso fino a quando la frittata si solidifica e si dorata. Taglia a spicchi e servila come contorno o piatto principale.

Frittata di spinaci e ricotta

Soffriggi degli spinaci freschi in padella con aglio e olio d’oliva fino a quando appassiscono. Sbatti le uova con ricotta fresca, sale, pepe e formaggio grattugiato. Aggiungi gli spinaci alle uova sbattute e mescola bene. Versa il composto in una padella e cuoci a fuoco medio-basso fino a quando la frittata si solidifica. Taglia a spicchi e servila come piatto principale, accompagnandola con una salsa di pomodoro fresca, se desideri.

Queste alternative alla ricetta della frittata con gli spaghetti offrono varietà di sapori e ingredienti. Sperimenta con combinazioni diverse e personalizza le ricette in base ai tuoi gusti e alle tue preferenze.

Buon appetito!

Guarda anche