Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno, conosciuto in Irpinia come Pastiere montorese di Carnevale, ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.

Frittata di pasta al forno: origini della ricetta

La frittata di pasta è un piatto semplice, ma gustoso e sostanzioso che ha radici antiche e tradizionali nella cucina italiana. La ricetta è nata come un modo per utilizzare gli avanzi di pasta della sera precedente, che venivano mescolati con uova e cotto in padella.

La frittata di pasta è tipica soprattutto del sud Italia, dove la pasta è un alimento base della dieta. In particolare, la frittata di pasta sembra essere originaria della Campania, dove è conosciuta come “frittata di maccheroni”.

L’origine esatta della frittata di pasta è incerta, ma ci sono molte storie che circolano sulle sue origini. Una delle teorie più accreditate suggerisce che la frittata di pasta sia stata inventata dai pastori che lavoravano nelle campagne della Campania. Questi pastori avevano bisogno di un pasto facile da preparare e sostanzioso che potesse essere cucinato in padella sui loro fornelli rudimentali.

Una ricetta del riciclo

Un’altra teoria afferma che la frittata di pasta sia stata creata dalle donne italiane come un modo per utilizzare gli avanzi di pasta e uova prima che andassero a male. In un’epoca in cui il cibo era scarseggiante e gli sprechi erano malvisti, la frittata di pasta era una soluzione pratica e gustosa.

La ricetta originale della frittata di pasta prevedeva l’utilizzo di spaghetti avanzati, uova e formaggio grattugiato, ma nel corso degli anni sono state sviluppate numerose varianti che utilizzano diverse tipologie di pasta e ingredienti. Ad esempio, alcune versioni della frittata di pasta includono pomodori secchi, peperoni, cipolle e prosciutto cotto.

Oggi, la frittata di pasta è un piatto molto popolare in tutta Italia e viene servita sia a pranzo che a cena. È un’ottima soluzione per utilizzare gli avanzi di pasta e per preparare un pasto veloce e gustoso. Se sei alla ricerca di una ricetta per la frittata di pasta, puoi facilmente trovarla online o chiedere a un italiano di tua conoscenza.

Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.

Frittata di pasta al forno

Preparazione 1 ora 30 minuti
Portata Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 8 porzioni

Equipment

  • 1 stampo da 26-28 cm

Ingredienti
  

  • 500 g pasta lunga
  • 8/10 uova
  • 250 g ricotta
  • 100 g pecorino e parmigiano grattugiato
  • 100 g mortadella
  • 100 g salame
  • 100 g scamorza
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

Istruzioni
 

  • Portiamo ab ebollizione abbondante acqua salata e lessiamo per un paio di minuti la pasta (io ho usato un tipo di pasta che si chiama candele e non le ho spezzate).
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Scoliamole molto molto al dente e lasciamole raffreddare.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Nel frattempo in una ciotola rompiamo le uova e le sbattiamo, aggiungiamo la ricotta, i formaggi, un po’ sale, la mortadella e il salame tagliati a cubetti, il pepe.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Nello stampo oliato (io ho messo lo strutto) facciamo un primo strato di pasta.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Versiamo una meta del composto di uova, salumi e formaggi, poi facciamo un secondo strato di pasta, poi ancora uova.
    Aiutandoci con le dita o con una forchetta, facciamo penetrare il composto dappertutto.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Inforniamo in forno già caldo a 160°, statico o ventilato, per cinquanta minuti, un’oretta.
    La cottura dipenderà dal forno e dall’altezza della frittata.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.
  • Facciamo raffreddare un poco poi serviamo. È ottima sia calda che fredda.
    Ottima sia tiepida che fredda, questa frittata di pasta al forno ci tornerà utile in più di un’occasione. Si prepara velocemente e si presta ad essere congelata.

Note

Le dosi di uova salumi e formaggi sono orientative ed anche abbastanza contenute. Potranno essere modificate secondo il proprio gusto.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Consigli per la preparazione della frittata

Una ricetta davvero molto semplice e veloce da realizzare. Per ottenere un risultato eccellente, ecco alcuni accorgimenti che potete mettere in pratica:

  1. Scegli il tipo di pasta giusto: per la frittata di pasta al forno è meglio utilizzare una pasta corta come i rigatoni o i mezzi paccheri, che si prestano meglio alla cottura in forno e mantengono la loro forma. Potrete scegliere la pasta da usare tra ziti, zitoni, mezzi ziti, utilizzandoli interi senza spezzare oppure anche già spezzati. Andranno bene anche gli spaghetti, i bucatini, i vermicelli.
  2. Cuoci la pasta al dente: per evitare che la pasta diventi molle durante la cottura in forno, è importante cuocerla al dente, ovvero per il tempo di cottura indicato sulla confezione meno un paio di minuti.
  3. Scolare bene la pasta: una volta cotta la pasta, è importante scolarla bene e passarla sotto acqua fredda per fermare la cottura.
  4. Prepara la frittata: sbatti le uova in una ciotola e aggiungi la pasta, il formaggio grattugiato, il sale e il pepe. Mescola bene fino ad ottenere un composto omogeneo.
  5. Usa una padella adatta: per cuocere la frittata al forno è meglio utilizzare una padella in ghisa o antiaderente che possa resistere alle alte temperature.
  6. Cuoci la frittata in padella: versa il composto di uova e pasta nella padella calda e cuoci per alcuni minuti fino a quando la parte inferiore si sarà solidificata.
  7. Metti la padella in forno: una volta che la parte inferiore della frittata si è solidificata, metti la padella in forno preriscaldato a 180°C e cuoci per circa 10-15 minuti, o fino a quando la frittata sarà ben dorata in superficie.
  8. Fai riposare la frittata: una volta cotta, lascia riposare la frittata per alcuni minuti prima di tagliarla e servirla, in modo che si consolidi e si raffreddi leggermente.
  9. Aggiungi ingredienti extra: se vuoi arricchire la frittata, puoi aggiungere ingredienti extra come prosciutto cotto, zucchine, peperoni o pomodori tagliati a cubetti.
  10. Servi la frittata: la frittata di pasta al forno può essere servita calda o a temperatura ambiente, accompagnata da una fresca insalata mista o verdure al vapore.

Seguendo questi semplici consigli, sarai in grado di preparare una deliziosa frittata di pasta al forno che lascerà tutti i tuoi ospiti soddisfatti e contenti!

Come conservare la frittata di pasta

Se sei alla ricerca di suggerimenti per conservare al meglio la frittata di pasta, sei nel posto giusto. Ecco alcuni consigli utili per mantenere la tua frittata di pasta fresca e gustosa per più a lungo:

1.Conserva la frittata di pasta in frigorifero

Dopo aver cucinato la frittata, lasciala raffreddare completamente a temperatura ambiente, quindi coprila con pellicola trasparente e mettila in frigorifero. Assicurati di utilizzare un contenitore ermetico se la frittata è di grandi dimensioni.

2.Mangiala entro 3-4 giorni

Una volta conservata in frigorifero, la frittata di pasta dovrebbe essere consumata entro 3-4 giorni. Se hai ancora della frittata dopo questo periodo di tempo, gettala via per evitare di rischiare un’intossicazione alimentare.

3.Riscalda la frittata di pasta correttamente

Se decidi di riscaldare la frittata, fallo con cautela per evitare di farla diventare troppo secca. Una buona pratica è riscaldarla in padella a fuoco medio-basso, coprendola con un coperchio per preservare l’umidità. Se preferisci usare il microonde, coprila con una pellicola per evitare che si secchi.

4.Non congelare la frittata di pasta

La frittata di pasta non è adatta alla conservazione nel freezer. Quando viene congelata, la pasta tende a diventare gommosa e la consistenza della frittata diventa poco invitante.

Seguendo questi semplici consigli, potrai gustare la tua frittata di pasta per un paio di giorni dopo la cottura senza perdere il suo sapore o la sua consistenza. Ricorda sempre di controllare l’aspetto e l’odore della frittata prima di mangiarla, per evitare di consumare alimenti a rischio.

Come si fa a girare la frittata senza romperla?

Usare un coperchio o un piatto

Al momento di girare la frittata, mentre una mano terrà saldamente premuto il coperchio o il piatto sulla padella, l’altra impugnerà il manico per capovolgerla.

Come fare per non far attaccare l’uovo?

La cosa più importante da fare è preriscaldare la padella. Avviciniamo la mano alla padella per sentire il calore. Una volta che è abbastanza calda possiamo mettere l’olio nella padella, assicurandoci che sia ricoperta in maniera uniforme. Questo aiuterà le uova a non attaccarsi una volta rotte e cadute nella padella.

Come rimediare a una frittata salata?

Possiamo utilizzare un pezzo grossolano di mela, che come la patata regala dolcezza e assorbe la sapidità della pietanza. Infine è possibile aggiungere dell’acqua e zucchero, in modo da contrastare la sapidità della pietanza.

Cosa abbinare alla frittata di pasta?

Ecco alcune idee di cibi che possiamo abbinare alla frittata di pasta, che sia come piatto unico o come stuzzichini per un aperitivo (a proposito, non perdetevi la ricetta delle frittatine di pasta napoletane, golosissime!)

  • Pancetta o speck
  • Avocado
  • Pane, fette integrali di farina di segale
  • Verdure verdi
  • Pomodoro.

Guarda anche