I calamari arreganati, un piatto affascinante e gustoso, sono una delle gemme della cucina mediterranea. Con radici profonde nelle tradizioni culinarie delle coste italiane, questa ricetta offre un’incredibile fusione di sapori e consistenze. In questo articolo, esploreremo le origini dei calamari arreganati, mettendoli a confronto con i calamari in umido, forniremo preziosi consigli per prepararli al meglio e discuteremo le migliori pratiche per conservare la loro freschezza e saporosità.

Calamari arreganati: origini della ricetta

I calamari arreganati, noti anche come “calamari imbottiti”, hanno le loro radici nelle cucine costiere dell’Italia meridionale, in particolare in regioni come la Campania e la Calabria. Questa pietanza è un esempio della creatività culinaria italiana, che sfrutta al massimo i frutti del mare.

L’origine esatta dei calamari arreganati è oggetto di discussione, ma si crede che la ricetta abbia origine da antiche tradizioni marinare, dove i pescatori utilizzavano ingredienti disponibili a bordo delle imbarcazioni per creare piatti deliziosi. I calamari, ricchi di sapore e disponibili in abbondanza nel Mediterraneo, si sono prestati a molte preparazioni innovative.

Come ho scoperto questa ricetta

Questa ricetta nasce da una storia postata su instagram, in cui mostrando i miei calamaretti freschi appena acquistati chiesi consiglio su come cucinarli. Tra le tante proposte, considerando che le mie figlie non volevano mangiarli fritti (il motivo lo immaginerete), ho scelto quella di Adele che mi incuriosiva molto, richiamando la nostra tradizione delle alici e del baccalà arreganato.

Il risultato è stato ottimo, ricetta superconsigliata.

I calamari arreganati, un piatto affascinante e gustoso, sono una delle gemme della cucina mediterranea. Ricetta facile e veloce.

Calamari arreganati

Preparazione 1 ora
Portata Portata principale
Cucina Italiana
Porzioni 4 porzioni

Ingredienti
  

  • 1 kg calamari piccoli o medi
  • 1300 g patate
  • 1 spicchio d’aglio
  • q.b. olio evo
  • q.b. sale
  • q.b. prezzemolo
  • q.b. pepe
  • 40 g pane secco grattugiato grosso

Istruzioni
 

  • Tagliamo a fette sottili le patate, laviamole ed asciughiamole in un canovaccio.
  • Versiamole in una ciotola dove le condiremo con sale, pepe, prezzemolo e olio evo.
  • Mescoliamole per insaporirle.
  • In una teglia o in una pirofila mettiamo un filo d’olio sul fondo.
  • Facciamo un primo strato con le patate condite.
  • Adagiamo sopra le patate i calamari interi, se piccoli come i miei nel video, oppure tagliati a pezzi se sono più grossi. Chiaramente sempre puliti, lavati ed asciugati.
  • Condiamoli con sale, prezzemolo e filino di olio.
  • Terminiamo con le patate restanti. Pressiamo un poco la superficie con le mani per non lasciare vuoti.
  • Distribuiamo il pane grattugiato, un filino d’olio ed inforniamoin forno già caldo a 180° (meglio statico oppure ventilato ma attente a non far colorire il pane, nel caso coprite con carta stagnola) per circa 40/45 minuti.
    La cottura dipenderà un po’ dal nostro forno.
  • Servire ancora caldo.

Ti è piaciuta la ricetta?

Condividila su Facebook

Differenza tra calamari arreganati e calamari in umido

Una delle principali distinzioni tra i calamari arreganati e i calamari in umido è la loro preparazione e il risultato finale.

I calamari arreganati sono calamari ripieni, solitamente con una miscela di pangrattato, aglio, prezzemolo, parmigiano, e spesso includono gamberetti, olive o altri ingredienti per aggiungere sapore. Questo ripieno è inserito all’interno dei calamari, che vengono poi cotti al forno o in padella fino a quando sono dorati e il ripieno è diventato fragrante e croccante.

I calamari in umido, d’altra parte, sono preparati in un sugo di pomodoro o brodo e cotti lentamente fino a diventare teneri. Sono serviti con una salsa ricca e spesso accompagnati da riso o pasta.

La differenza principale è quindi nella consistenza e nella presentazione: i calamari arreganati sono croccanti fuori e morbidi dentro, mentre i calamari in umido sono più teneri e vengono serviti in una salsa.

Consigli per preparare i calamari arreganati

Ecco alcuni consigli per preparare dei calamari arreganati deliziosi:

  1. Pulizia accurata: Assicuratevi di pulire accuratamente i calamari, rimuovendo il becco e la pelle esterna. Lavateli bene sotto acqua corrente fredda.
  2. Ripieno gustoso: Preparate un ripieno saporito utilizzando pangrattato fresco, aglio, prezzemolo, formaggio parmigiano grattugiato e altri ingredienti a vostro piacimento, come olive o gamberetti. Il ripieno dovrebbe essere umido ma non eccessivamente umido.
  3. Riempimento con cura: Riempite i calamari con il ripieno, ma non troppo stretti in modo da evitare che si rompano durante la cottura. Sigillate l’apertura con uno stecchino per mantenere il ripieno al suo posto.
  4. Cottura precisa: Cuocete i calamari arreganati al forno o in padella con un filo d’olio d’oliva fino a quando sono dorati e il ripieno è croccante. Non esagerate con il tempo di cottura per evitare che diventino gommosi.
I calamari arreganati, un piatto affascinante e gustoso, sono una delle gemme della cucina mediterranea. Ricetta facile e veloce.

Come conservare i calamari arreganati

I calamari arreganati sono migliori quando sono appena preparati, ma se avanzano porzioni, potete conservarli correttamente per mantenerne la freschezza. Ecco come farlo:

  1. Raffreddamento iniziale: Lasciate raffreddare i calamari arreganati completamente a temperatura ambiente prima di conservarli. Questo evita la formazione di condensa eccessiva quando vengono chiusi in un contenitore.
  2. Imballaggio adeguato: Avvolgete i calamari arreganati in pellicola trasparente o alluminio, assicurandovi di sigillare bene il contenitore. In alternativa, potete metterli in un contenitore ermetico.
  3. Conservazione in frigorifero: Conservate i calamari arreganati nel frigorifero a una temperatura tra 1°C e 4°C (34°F – 39°F). Consumateli entro 2-3 giorni per garantire la massima freschezza.
  4. Riscaldamento: Per riscaldare i calamari arreganati, utilizzate il forno preriscaldato a 180°C (350°F) per circa 10-15 minuti o fino a quando saranno ben riscaldati e croccanti.

Alternative alla ricetta

Ecco tre alternative alla ricetta tradizionale dei calamari arreganati per offrire una variazione di gusti e sapori:

Calamari Farciti al Granchio

I calamari farciti al granchio sono un piatto della cucina italiana a base di calamari ripieni con una miscela di carne di granchio fresca e altri ingredienti. Questa preparazione unisce il sapore delicato dei calamari con la dolcezza e la consistenza della carne di granchio per creare un piatto delizioso e ricco di sapori del mare.

Ingredienti:

  • Calamari puliti
  • Carne di granchio fresca
  • Pane grattugiato
  • Aglio tritato
  • Prezzemolo fresco tritato
  • Limone
  • Sale e pepe
  • Olio d’oliva

Preparazione:

  1. Mescolate la carne di granchio con il pane grattugiato, l’aglio, il prezzemolo, il succo di limone, sale e pepe per creare un ripieno.
  2. Riempite i calamari con il ripieno preparato.
  3. Sigillate l’apertura dei calamari con uno stecchino.
  4. Cuocete i calamari farciti in una padella con olio d’oliva fino a quando sono dorati.
  5. Servite con fettine di limone e prezzemolo fresco.

Calamari ripieni di ricotta e spinaci

I Calamari ripieni di ricotta e spinaci sono un piatto della cucina italiana che prevede l’utilizzo di calamari come involucro esterno ripieno di un mix di ricotta fresca e spinaci. Questa preparazione unisce il sapore delicato dei calamari con la cremosità della ricotta e il sapore terroso degli spinaci, creando un piatto ricco e saporito. Ecco una possibile ricetta:

Ingredienti:

  • Calamari puliti
  • Ricotta fresca
  • Spinaci freschi cotti e tritati
  • Parmigiano grattugiato
  • Aglio tritato
  • Noce moscata
  • Sale e pepe
  • Olio d’oliva

Preparazione:

  1. Mescolate la ricotta, gli spinaci cotti, il parmigiano grattugiato, l’aglio, la noce moscata, sale e pepe per creare un ripieno.
  2. Riempite i calamari con il ripieno preparato.
  3. Sigillate l’apertura dei calamari con uno stecchino.
  4. Cuocete i calamari ripieni in una padella con olio d’oliva fino a quando sono dorati.
  5. Servite con una salsa di pomodoro leggera se preferite.

Calamari al Curry e Cocco

I calamari arreganati, un piatto affascinante e gustoso, sono una delle gemme della cucina mediterranea. Ricetta facile e veloce.

I Calamari al Curry e Cocco sono un piatto che combina la morbidezza dei calamari con la ricchezza delle spezie del curry e la cremosità del latte di cocco. Questo piatto rappresenta una fusion tra la cucina dei paesi tropicali e l’uso dei calamari, tipico delle regioni costiere. Ecco una possibile ricetta:

Ingredienti:

  • Calamari puliti
  • Latte di cocco
  • Curry in polvere
  • Cipolla tritata
  • Aglio tritato
  • Peperoncino fresco tritato (a piacere)
  • Coriandolo fresco tritato
  • Olio d’oliva
  • Sale e pepe

Preparazione:

  1. In una padella, soffriggete la cipolla, l’aglio e il peperoncino fresco (se lo gradite) con olio d’oliva.
  2. Aggiungete i calamari tagliati a fettine e cuocete per alcuni minuti fino a quando diventano traslucidi.
  3. Aggiungete il curry in polvere e mescolate bene.
  4. Versate il latte di cocco nella padella e portate a ebollizione.
  5. Cuocete a fuoco lento finché la salsa si addensa leggermente.
  6. Condite con sale e pepe, e servite con coriandolo fresco tritato come guarnizione.
  7. Queste alternative offrono nuovi sapori e variazioni alla ricetta dei calamari arreganati, permettendovi di sperimentare con ingredienti diversi e gusti unici. Scegliete quella che più vi ispira e godetevi una nuova esperienza culinaria.

Conclusioni

In conclusione, i calamari arreganati sono un piatto delizioso che può arricchire il vostro menu mediterraneo. Rispettando la tradizione e seguendo questi consigli, potrete preparare e conservare questi calamari ripieni in modo delizioso per gustarli anche in futuro. Abbiamo trovato questo piatto davvero molto buono ed inusuale. I più temerari potranno aggiungere del pecorino grattugiato.

Guarda anche