Dolci Ricette

I biscottini di mamma. Videoricetta.

Una ricetta semplicissima, i biscottini di una volta, che si mangiavano a fine pasto bagnati nel vino o nel latte del mattino. In verità buonissimi anche da sgranocchiare da soli.

Ingredienti per una teglia e mezza di biscotti:

  • 500 g di farina 00
  • 220/250 g di zucchero semolato
  • 2 uova e 1 tuorlo (o 3 uova intere piccole)
  • 100 g olio vegetale
  • 150 g di latte
  • 15 g di ammoniaca (o una bustina di lievito più un cucchiaino di bicarbonato)
  • buccia di arancia e limone grattugiata
  • facoltative 250/300 g di nocciole con la pellicina tostate

In una ciotola montiamo le uova con lo zucchero. Dalla dose intera di latte, togliamone un poco per sciogliere l’ammoniaca. Se invece usiamo il lievito con un cucchiaino piccolo di bicarbonato setacciamoli insieme alla farina, miscelando bene il tutto.

Aggiungiamo alle uova montate, alternandoli tra loro, la farina, il latte e l’olio. Aggiungiamo la buccia grattugiata degli agrumi.

Alla fine, riscaldiamo il latte fin quasi all’ebollizione e sciogliamoci l’ammoniaca. Dovrà fare la schiuma. Poi versiamo il tutto nell’impasto. Regoliamone la consistenza, se fosse troppo sodo aggiungiamo uno o due cucchiai di latte.

Formiamo dei filoncini, io ho usato la sac a poche ma non è indispensabile, ed inforniamo in forno preriscaldato, statico o ventilato, a 180° per 15/20 minuti senza aprire lo sportello prima che sia trascorso almeno un quarto d’ora.

Dopodichè, sforniamo e lasciamo raffreddare per 5 minuti.

Tagliamo diagonalmente i biscotti e ripassiamo in forno a 165/170° sino alla cottura desiderata.

Come ho raccontato nel video, mamma li faceva nelle grandi occasioni, tipo Pasqua, la festa di Sant’Antonio grande ad agosto e quando qualche volta papà a tavola diceva “Gianni’ e fai due viscottini?” allora lei per accontentarlo li faceva.

Venivano conservati in una federa di cotone, quella dei cuscini.

Ogni tanto, quando la mancanza dei miei si fa sentire più forte, li rivedo nei miei ricordi: mamma, di spalle, che si alza dalla sua poltrona e va verso il mobile della cucina a prendersi un biscottino. E sento la voce di papà che la prende bonariamente in giro per il suo debole per le cose zuccherate.

Guarda anche